Resta con noi!

Home > Blog > Canili (Pelonzi-Fassina) : Comunali nella bufera, ma gara va avanti

Canili (Pelonzi-Fassina) : Comunali nella bufera, ma gara va avanti

È stata fissata per lunedi` 18 marzo l`apertura dell`ultima busta- offerta economica- relativa alla gara europea triennale per la gestione dei canili comunali Muratella e Ponte Marconi, con conseguente proposta di aggiudicazione. E questo nonostante: il concorrente sia unico (un imprenditore di Caserta, attuale gestore); sia ancora pendente al Tar il ricorso presentato dalle associazioni animaliste cui e` stato sostanzialmente impedito di partecipare a causa dei requisiti economici-finanziari stringenti presenti nel bando di gara; non sia stata data alcuna risposta al ricco dossier su due anni di gestione presentato alla Commissione Trasparenza il 3 settembre 2018; la reale separazione tra canile sanitario e canile rifugio (alla base della gara stessa) non sia stata dimostrata e siamo in attesa di risposta al nostro accesso agli atti; siano fioccate- a seguito di recenti sopralluoghi che hanno evidenziato enormi criticita`- denunce alla Procura della Repubblica e ai Nas; e, soprattutto, non sia stata data una giustificazione soddisfacente al fatto che gli importi a base di gara siano stati significativamente aumentati a fronte di una diminuzione di responsabilita`: 9.53 euro al giorno per ogni cane e gatto gestito, mentre le spese relative alle cure sanitarie, ai medici veterinari e ai continui trasferimenti di animali nelle strutture private convenzionate dove e` piu` difficile fare adozioni verranno sostenute a parte dai contribuenti romani".Cosi` in un comunicato Antongiulio Pelonzi, capogruppo Pd in Assemblea Capitolina e Stefano Fassina, capogruppo di Sinistra per Roma in Campidoglio.   "A fronte di una spesa di 9.53 euro al giorno ad animale presente nelle uniche 2 strutture (per un totale di 600 cani e 40 gatti) i cittadini romani avranno solo la pulizia delle gabbie e l`alimentazione, quando invece il precedente gestore- una onlus no profit calunniata per la presunta onerosita` della sua gestione ma che aveva raggiunto con le adozioni il punto di pareggio tra cani in entrata ed in uscita- costava alla collettivita` una media di 10.5 euro al giorno ad animale, comprensivo pero` delle spese sanitarie e di un maggior numero di personale e di servizi garantiti agli animali e ai cittadini, per la gestione di 4 diverse strutture (Muratella, Ponte Marconi, Vitinia, Valle dei Cuccioli, piu` il Punto di Primo Soccorso Gatti interno al canile Muratella) e una media presenza di 1050 cani e gatti quotidianamente presenti. Ma che fine ha fatto la trasparenza e la legalita` tanto decantata dalla Giunta Raggi?", concludono Pelonzi e Fassina.

Tags: