Resta con noi!

Accorciare le distanze - mostra e convegno su Luigi Petroselli

Home > Blog > Corte tedesca: ora si aggravano prospettive eurozona

Corte tedesca: ora si aggravano prospettive eurozona

Con la sentanza della Corte Costituzionale tedesca su Quantitative easing si aggravano le prospettive per Eurozona e Italia. La decisione è una sorta di ultimatum alla Bce in quanto, non soltanto inibisce acquisti asimmetrici di titoli di Stato in assenza di chiare condizionalità macroeconomiche e strutturali, ma dispone iniziative della Bundesbank e del Governo Federale di Berlino affinché Francoforte aggiusti lo stock di titoli già in acquistati. È un colpo pesante per l’Italia e un’ulteriore spinta verso il Mes, ovviamente nella sua ordinaria versione condizionata, come chiave necessaria, ma non sufficiente, per consentire alla Bce di attivare l’Omt, il programma di acquisti asimmetrico e illimitato, introdotto sotto la Presidenza Draghi per dare credibilità al “whatever it takes”. In sintesi, nella legittima interpretazione dei Trattati e nell’affermazione del primato della Costituzione tedesca sui Trattati, la decisione di Karlsruhe ribadisce che l’Unione europea è confederale, non federale ed è fondata sul principio della concorrenza, non della solidarietà fiscale. Si va in direzione opposta a quella che sarebbe necessario percorrere. Invece di continuare a inseguire obiettivi sostanzialmente inutili come il Sure e il Recovery Fund, sarebbe utile prendere finalmente atto della realtà e preparare adeguate alternative.

Warning: file_get_contents(https://graph.facebook.com/193123080790778/?fields=fan_count&access_token=571523506367012%7Cf8149326fac7fd6c8a34624974f7aa12): failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 400 Bad Request in /web/htdocs/www.stefanofassina.it/home/wp-content/themes/fassina-sindaco/footer.php on line 21