Resta con noi!

Accorciare le distanze - mostra e convegno su Luigi Petroselli

Home > Blog > Emergenza idrica: riportare attività idriche ACEA a totale proprietà comunale

Emergenza idrica: riportare attività idriche ACEA a totale proprietà comunale

Finalmente, sembra che la Sindaca Raggi promuova un incontro con Regione e Acea sulla crisi idrica in corso nel Lazio e, in particolare, a Roma. Il ritardo e le inutili polemiche sono evidenti.

Sull'acqua, non siamo di fronte a una emergenza, ma a problemi strutturali, conseguenza di un lungo passato di politiche sbagliate o di strumentale inazione dei governi territoriali e nazionale.
In tale contesto, la Sindaca di Roma e il Presidente di Acea Ato2 hanno risposto come se fossero semplici utenti. Invece, il Comune di Roma ha il 51% di Acea, l'azienda che gestisce le risorse idriche nella capitale e oltre.

Allora, che fare?
Nel breve periodo, è necessario intensificare al massimo sia il risparmio di acqua, sia intensificare la manutenzione delle condutture.
Non basta. Oggi, è anche necessario un profondo e esteso ammodernamento delle reti idriche.
A tal fine, il Comune di Roma deve scorporare da Acea le attività idriche e conferirle a una società interamente comunale. Gli impianti di Acea disperdono il 45% delle risorse captate dal lago di Bracciano, ossia milioni di litri al giorno.
È evidente che la gestione privatistica di Acea funziona benissimo soltanto per gli azionisti che, con una corresponsabilità storica del Comune di Roma, aumentano le tariffe, abbandonano gli investimenti e mietono profitti.
A Roma va data attuazione ai risultati del referendum del 2011 e, con le entrate dalle tariffe, vanno fatti investimenti adeguati per evitare le dispersioni e ridurre i costi per le famiglie e le imprese.
Warning: file_get_contents(https://graph.facebook.com/193123080790778/?fields=fan_count&access_token=571523506367012%7Cf8149326fac7fd6c8a34624974f7aa12): failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 400 Bad Request in /web/htdocs/www.stefanofassina.it/home/wp-content/themes/fassina-sindaco/footer.php on line 21