Resta con noi!

Accorciare le distanze - mostra e convegno su Luigi Petroselli

Home > Blog > Eurozona: C'è bisogno di un piano B. Problema è svalutazione del lavoro non austerità

Eurozona: C'è bisogno di un piano B. Problema è svalutazione del lavoro non austerità

La Brexit nel 2016 potrebbe rappresentare per il neoliberismo ciò che per il socialismo, nel 1989, è stato il Muro di Berlino. L'ordine neoliberista è insostenibile per una società democratica, per le classi medie, per i pilastri della Costituzione scritta dopo la seconda guerra mondiale. Il neoliberismo nell'Eurozona è ancora più insostenibile. Per una semplice ragione: abbiamo 'costituzionalizzato' una sua versione estrema che neanche i conservatori all'epoca della Thatcher e di Reagan avrebbero osato sostenere, con lo Statuto della Bce e il Fiscal Compact, in un quadro di svalutazione del lavoro, a cominciare dalla Germania dove la 'Riforma Hartz' è stato di gran lunga l'atto più antieuropeo adottato dal dopoguerra in Europa.
È del tutto irrealistica la democratizzazione dell'UE al motto di 'più Europa'. Il problema fondamentale dell'Eurozona non è l'austerity. Il problema vero è il mercantilismo alimentato dalla svalutazione del lavoro.  C'è bisogno di un Piano B che non deve essere una unilaterale, non coordinata, uscita dei singoli Paesi dalla moneta unica. Il Piano B deve essere cooperativo, come propone Stiglitz, per un duplice obiettivo: salvare ogni membro dell'Eurozona e salvare l'Ue dall'euro.
Leggi l'intervento completo 

Tags: ,

Warning: file_get_contents(https://graph.facebook.com/193123080790778/?fields=fan_count&access_token=571523506367012%7Cf8149326fac7fd6c8a34624974f7aa12): failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 400 Bad Request in /web/htdocs/www.stefanofassina.it/home/wp-content/themes/fassina-sindaco/footer.php on line 21