Resta con noi!

Accorciare le distanze - mostra e convegno su Luigi Petroselli

Home > Articoli > Il Passaggio storico del 2016

Il Passaggio storico del 2016

Articolo pubblicato su Humanitè

 

Il 2016 segna un passaggio storico. Trump negli USA, la Brexit, la valanga di No al referendum costituzionale in Italia il 4 Dicembre sono scosse politiche di magnitudo massima, successive a tante altre scosse: dalla Grecia alla Spagna; dall'Austria, alla Francia, alla Germania, per lasciare fuori dall'analisi le vicende della UE dell'est.

La sequenza di risultati elettorali degli ultimi mesi è per il neo-liberismo reale quello che il crollo del Muro di Berlino è stato per il socialismo reale. Il 2016 e il 1989.

Il messaggio di fondo è chiaro: da un lato, l'insostenibilità per le working class e le classi medie del capitalismo neo-liberista, dei mercati globali di capitali, merci e servizi giocati sulla svalutazione del lavoro; dall'altro, la marginalità della "sinistra storica" europea, socialdemocratica e comunista, oltre che del Partito Democratico in Usa. In una sintesi davvero efficace, The Economist  il 10 Novembre scrive: "History is back", ritorna la Storia, dopo la sbornia ideologica post-89, celebrata da Francis Fukuyama con "La fine della Storia", il suo best-seller egemonico. Ritorna la Storia, ma la sinistra storica è fuori gioco.

Una faglia attraversa le periferie delle nostre grandi città. Ma i socialisti europei, nelle loro variegate declinazioni legate alle specifiche condizioni nazionali, stanno dalla parte sbagliata: con l'establishment. I popoli delle periferie economiche, sociali e culturali attribuiscono ai socialisti la corresponsabilità del loro declino e impoverimento. Giustamente, perché la sinistra storica è stata orgogliosa protagonista del "mercato interno" senza standard sociali e ambientali e poi della moneta unica senza Stato: errori politici di portata storica, fattori di sistematica svalutazione del lavoro, accentuati dal disinvolto "allargamento" a 28 dell'Unione.

Insomma, la famiglia socialista è fuori gioco perché stata complice, per subalternità culturale, per incapacità, per oggettive difficoltà, per opportunismo, della regressione delle condizioni economiche e sociali del suo popolo. Dopo il secondo conflitto mondiale, ha percorso una lunga parabola: il trentennio glorioso di civilizzazione del capitalismo attraverso i welfare-state; la resistenza all'ascesa del neo-liberismo fino all'89; poi, la resa dell'ultimo quarto di secolo all'Unione neo-liberista europea.

Siamo oggi alla crisi finale? È difficile riconoscere segni di consapevolezza della necessità di una radicale svolta culturale, sociale e programmatica. Sono più promettenti i movimenti e le forze fuori dal circuito della sinistra storica.

Il banco di prova per la debilitata famiglia socialista e i partiti della sinistra europea è la capacità di rimettere in discussione il nesso "nazionale-internazionale", per riprendere il lessico di Antonio Gramsci: Stato nazionale-euro-Unione europea. Per incominciare a dare risposte al popolo delle periferie economiche e sociali, va innanzitutto preparato un "Piano B" per superare, in via cooperativa e governata, senza uscite unilaterali, l'ordine istituzionale, economico e monetario vigente nell'eurozona. Superare l'euro per rivitalizzare, nella misura possibile, la sovranità democratica a scala nazionale. Cosi, rilegittimare lo Stato come strumento di difesa del lavoro e rilanciare l'Unione europea come cooperazione Stati. Un "Piano B" per ritornare a rappresentare gli interessi del nostro popolo. Ci vediamo a Roma, l'11 e 12 Marzo prossimo per fare qualche passo avanti, in occasione della celebrazione del 60-esimo anniversario dei Trattati di Roma.

 

Pagina 1 articolo originale

Pagina 2 articolo originale

Tags: , , ,

Warning: file_get_contents(https://graph.facebook.com/193123080790778/?fields=fan_count&access_token=571523506367012%7Cf8149326fac7fd6c8a34624974f7aa12): failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 400 Bad Request in /web/htdocs/www.stefanofassina.it/home/wp-content/themes/fassina-sindaco/footer.php on line 21