Resta con noi!

Accorciare le distanze - mostra e convegno su Luigi Petroselli

Home > Blog > Istat: jobs act ha reso lavoro più precario

Istat: jobs act ha reso lavoro più precario

Anche i dati Istat di oggi confermano che il Jobs Act è stato una misura di ulteriore precarizzazione del lavoro, costata circa 20 miliardi di euro. Come ripetiamo da due anni, l'incremento è di occupati, non di posti di lavoro e, in base a Eurostat, si è occupati se si lavora almeno un'ora a settimana nel periodo della rilevazione.
Non a caso, a fronte del milione di occupati in più, le ore lavorate sono oltre 1.2 miliardi in meno del 2008, un numero equivalente a circa 700.000 occupati a tempo pieno.
L'incremento percentuale dei nostri occupati è circa la metà di quanto registrato in media nell'eurozona, un effetto dovuto a un aumento del Pil che ci ha visto in coda alla dinamica media dell'area monetari.
Bene quindi il cosiddetto Decreto Dignità se include davvero la re-introduzione delle causali per i contratti a tempo determinato, ma sin dal primo impiego. Bene anche le misure anti-delocalizzazione, ma che riguardino innanzitutto i Paesi della Ue, dato che il mercato unico europeo è fonte sempre più grave di dumping sociale. E’ invece autolesionismo da parte del Pd continuare a difendere il Jobs Act.

Tags: ,

Warning: file_get_contents(https://graph.facebook.com/193123080790778/?fields=fan_count&access_token=571523506367012%7Cf8149326fac7fd6c8a34624974f7aa12): failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 400 Bad Request in /web/htdocs/www.stefanofassina.it/home/wp-content/themes/fassina-sindaco/footer.php on line 21