Resta con noi!

Accorciare le distanze - mostra e convegno su Luigi Petroselli

Home > Blog > Jobs Act: Un fallimento. Non basta qualche aggiustamento per evitare il Referendum

Jobs Act: Un fallimento. Non basta qualche aggiustamento per evitare il Referendum

Sulla valanga di voucher generati dal JobsAct, il governo fa finta di trovarsi di fronte a un evento inaspettato e imprevedibile, mentre è stato facilmente e largamente previsto. Come è stato previsto il costosissimo (circa 18 miliardi) effetto effimero dei contratti a cosiddette tutele crescenti e l'impennata dei licenziamenti per giustificato motivo. Quella che è stata raccontata dall'ex Presidente del Consiglio e dalla sua corte come "la riforma più di sinistra" si è rivelata in pochi mesi nella sua natura liberista, finalizzata alla precarizzazione e svalutazione del lavoro. Ora non basta qualche aggiustamento a margine per evitare i referendum. Il Jobs Act va eliminato. In un Paese normale i protagonisti politici e tecnici dovrebbero assumersi le responsabilità del fallimento.

Tags: ,

Warning: file_get_contents(https://graph.facebook.com/193123080790778/?fields=fan_count&access_token=571523506367012%7Cf8149326fac7fd6c8a34624974f7aa12): failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 400 Bad Request in /web/htdocs/www.stefanofassina.it/home/wp-content/themes/fassina-sindaco/footer.php on line 21