Resta con noi!

2X1000: dai forza a Sinistra Italiana scrivendo T44. Scarica i materiali

Home > Articoli > L’appello di Lisbona alle sinistre europee, c'è spazio anche per LeU

L’appello di Lisbona alle sinistre europee, c'è spazio anche per LeU

Tratto dall'huffington Post

Negli ultimi mesi, dopo le elezioni, è venuto in primo piano il nodo politico Italia-Unione Europea-Eurozona. Non è una novità. Inedita è, invece, la visibilità acquisita "grazie" al No alla nomina di Paolo Savona a ministro dell'Economia e delle Finanze.

Ex malo bonum: il nesso nazionale-sovranazionale è, insisteva Antonio Gramsci già un secolo fa, decisivo per la qualità della democrazia e per le risposte possibili ai diversi interessi economici e sociali in campo. È decisivo per noi, come per ogni altro Paese. Certo, in misura diversa a seconda delle condizioni economiche e di finanza pubblica specifiche, del quadro regolativo vigente, dell'assetto monetario.

Un conto sono gli Stati Uniti dotati di valuta di riserva internazionale. Un conto è la Cina, gigante commerciale. Un conto è il Regno Unito ancora in possesso di moneta nazionale. Un conto, infine, l'Italia, inserita in un mercato unico europeo alimentato dalla svalutazione del lavoro, senza più disponibilità della propria valuta e "ricattata" da un pesante debito pubblico.

Ma è difficile contraddire Luigi Zingales quando afferma:

"Nel XX Secolo, quando i risultati elettorali non piacevano alle élite e ai suoi alleati internazionali, i carri armati arrivavano nelle strade. Nel XXI Secolo, la reazione è meno sanguinosa, ma non meno invasiva. Invece dei carri armati, operano i mercati finanziari" (Foreign Policy, May 31, 2018).

L'interpretazione del nesso nazionale-sovranazionale è fondativa del programma di un partito politico. Ne è la base distintiva. Ne definisce la funzione storico-politica. Tale nesso è stato, per chi scrive, la primaria variabile esplicativa del voto del 4 Marzo scorso.

Con grandi approssimazioni, si può riassumere così: da un lato, il variegato insieme dell'export beneficiato dall'ordine mercantilista europeo e quanti sono culturalmente e professionalmente attrezzati per il cosmopolitismo hanno votato per il Pd+Europa, per Forza Italia nella sua ultima incarnazione merkeliana e, nelle sue frange "Erasmus", per Liberi e Uguali e finanche, la parte più scapigliata, per Potere al Popolo. Vivono nei centri delle città e nelle periferie storiche gentrificate.

Dall'altro lato, l'orda della domanda interna, "zero tituli", da due decenni soffocata da mercato unico e euro, ha scelto, nel Mezzogiorno, in prevalenza M5S e, soprattutto al Nord, la Lega di Salvini e l'appendice di Fratelli d'Italia. Vive nelle periferie, nelle fasce sub-urbane, nelle aree rurali.

In tale quadro, per ricostruire una forza politica dalla parte del lavoro, quindi insediata nelle periferie culturali, economiche e sociali, è evidente la necessità di ridefinire, innanzitutto, la relazione tra contesto nazionale e dimensione europea. Vale per tutti.

È una discussione in corso in ciascuno dei partiti della sinistra europea, sia della sinistra storica asserragliata nel Partito dei Socialisti Europei e nella Sinistra Europea, sia nelle sinistre giovani e originali, come Podemos e La France Insoumise. Vale, in particolare, per Liberi e Uguali che, dopo il modesto risultato del 4 Marzo, ha finalmente, in mezzo a tante resistenze, deciso di avviare una difficile fase costituente.

Per segnare tale percorso, un punto di riferimento importante è la "Dichiarazione per una rivoluzione democratica in Europa", sottoscritta a Lisbona il 12 Aprile scorso da Pablo Iglesias, Segretario Nazionale di Podemos, Jean-Luc Melenchon, leader de La France Insoumise e Catarina Martins, presidente del Bloco De Esquerda.

Scrivono:

"È ora di rompere la camicia di forza dei trattati europei che impongono l'austerità e favoriscono il dumping fiscale e sociale. È ora che chi crede nella democrazia faccia un passo in avanti per rompere questa spirale inaccettabile.

Abbiamo bisogno di mettere un sistema ingiusto, inefficace e insostenibile al servizio della vita e sotto il controllo democratico della cittadinanza. Abbiamo bisogno di istituzioni al servizio delle libertà pubbliche e dei diritti sociali, che sono la base materiale stessa della democrazia.

Abbiamo bisogno di un movimento popolare, sovrano, democratico, che difenda le migliori conquiste delle nostre nonne e dei nostri nonni, dei nostri padri e delle nostre madri, e che possa lasciare un ordine sociale giusto, praticabile e sostenibile alle generazioni che verranno."

Insomma, l'alternativa non è fra società aperta e società chiusa, tra europeismo liberista e nazionalismo, tra Fronte Repubblicano e fascismi. Sono polarizzazioni senza speranza. Vanno disarticolate. La Dichiarazione di Lisbona apre uno spazio culturale e politico anche per LeU.

Ne discutiamo insieme a dirigenti della Linke, de La France Insoumise e di Podemos giovedì 21 Giugno, alle 16.30, a Piazza Capranichetta 72.