Resta con noi!

Home > Blog > Manovra: Decontribuzione under 35 misura sbagliata

Manovra: Decontribuzione under 35 misura sbagliata

Tra tante misure buone previste, nel Disegno di Legge di Bilancio è stata inserita una misura sbagliata: l’azzeramento dei contributi previdenziali per 3 anni, per gli under-35. È sbagliata perché, a livello macroeconomico, non genererà un posto di lavoro in più nella fase in corso segnata dal crollo della domanda aggregata, ma avrà l’unico effetto, come tutte le misure di decontribuzione settoriali, per le donne, per il Mezzogiorno, per gli over o under qualcosa, di riallocare la scarsa domanda di lavoro che c’è da parte delle imprese. Inoltre, è una misura profondamente discriminatoria: verrà colpita quell’enorme fascia di precariato over-35 che sarà buttata fuori dalle aziende o, nel migliore, dei casi rimarrà prigioniera della precarietà. Insomma, uno spreco di risorse in un inutile intervento supply-side fuori fase. È impressionante la resistenza del paradigma liberista in un passaggio storico in cui tutte le risorse andrebbero concentrate nel sostegno alla domanda aggregata, in profonda contrazione a causa dell’incertezza e delle restrizioni dovute al Covid-19. Se proprio si sentiva il bisogno di ulteriori misure supply-side e sostegno alle imprese, si potevano allocare le risorse per stabilizzare i precari sia nel settore pubblico che privato. In Parlamento, ci impegneremo a correggere la rotta.