Resta con noi!

Home > Blog > Manovra: viola Costituzione su sovranità Parlamento

Manovra: viola Costituzione su sovranità Parlamento

Siamo di fronte a un atto di negazione della democrazia costituzionale senza precedenti. Non era mai accaduto che neanche una Camera potesse entrare nel merito di un provvedimento. In prima lettura qui a Montecitorio, abbiamo avuto un testo di 'intrattenimento', utilizzato da Governo e maggioranza per impegnare Deputati, media, interessi organizzati e opinione pubblica mentre era in corso il negoziato con la Commissione europea. Al Senato, è arrivato in zona Cesarini, con un maxi-emendamento, l'esito del confronto con Bruxelles: un testo non soltanto ridimensionato negli importi per i principali capitoli di spesa, ma inzeppato di misure aggiuntive, estremamente rilevanti per impatto economico, insieme a una valanga di misure ordinamentali, 'marchette' le avrebbero definite dall'opposizione i campioni del M5S. Un'alternativa c'era. Ovviamente, onerosa in termini di reputazione politica, ma c'era: un mese di esercizio provvisorio per consentire almeno a un ramo del Parlamento di svolgere le funzioni previste dalla Costituzione. I principi costituzionali della democrazia parlamentare sono stati, invece, ancora unavolta, sacrificati ai principi di finanza pubblica, certo presenti nella Costituzione della Repubblica, ma subordinati ai primi.

Tags: