Resta con noi!

Accorciare le distanze - mostra e convegno su Luigi Petroselli

Home > Articoli > Referendum Atac : Ecco perchè dico no

Referendum Atac : Ecco perchè dico no

Dal Corriere.it

Il sostegno dato da Walter Tocci domenica scorsa su questo giornale al referendum promosso dal Partito Radicale per la messa a gara della gestione del trasporto pubblico locale (Tpl) a Roma mi ha sorpreso. In negativo, purtroppo. Atac non funziona. Atac ha un parco mezzi preistorico.

Atac ha accumulato 1,1 miliardi di euro di debiti. Non intendiamo difendere lo status quo. Non vogliamo coprire manager incapaci, inefficienze, corruzione. Non vogliamo essere conniventi con quella parte del variegato universo sindacale legata a rendite insostenibili. Al contrario, vogliamo sbaraccare clientele. Il punto è come. La cura thatcheriana riproposta dai Radicali non funziona. Non ho pregiudizi ideologici sulle liberalizzazioni. Ho giudizi fondati su dati empirici.

Dov’è che la liberalizzazione dei servizi a rete ha funzionato? Dove l’hanno attuata intensamente, come in UK e in particolare a Londra, fanno marcia indietro. Ma perché il pubblico non potrebbe definire una strategia per la mobilità di qualità e trovare manager capaci? Perché a Milano Atm e MM funzionano e a Roma Atac non può funzionare? Sottolineo che dove il pubblico fallisce come gestore, fallisce anche come regolatore perché regolare è più difficile che gestire. Insomma, invocare la liberalizzazione è una comoda via per scansare le responsabilità della politica.

Si consideri, ad esempio, il crollo degli investimenti e il debito di Atac: andrebbe ricordato che derivano in larga parte dai mancati trasferimenti della Regione, nelle precedenti e in misura minore nella attuale amministrazione, a sua volta, come tutte le regioni, «vittima-complice» di pesanti tagli ai trasferimenti per il Tpl. Inoltre, è per responsabilità politiche che Atac non ha potuto contare su una strategia per la mobilità che aprisse corsie preferenziali e integrasse i servizi in una compiuta cura del ferro. Non vi sono casi di liberalizzazioni senza impoverimento delle condizioni del lavoro. Infine, i proponenti della liberalizzazione possono presentare documentazione su casi virtuosi di Tpl liberalizzato? Attendiamo, pronti a studiare.

Tags:

Warning: file_get_contents(https://graph.facebook.com/193123080790778/?fields=fan_count&access_token=571523506367012%7Cf8149326fac7fd6c8a34624974f7aa12): failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 400 Bad Request in /web/htdocs/www.stefanofassina.it/home/wp-content/themes/fassina-sindaco/footer.php on line 21